Tutti gli articoli e le recensioni sono protetti da Copyright.  Nessuna parte può essere utilizzata o riprodotta senza  consenso scritto. Qualsiasi abuso verrà segnalato e  perseguito a norma di legge. ShareMind di Pietro Meloni - Via Taranto 178 00182 Roma - P.IVA 03333240137
CNC Metalworking
Guide Pensate per impieghi gravosi, queste macchine sono disponibili sia con guide lineari a ricircolo di sfere, sia con guide prismatiche a coda di rondine. La tendenza attuale nella costruzione delle macchine utensili predilige la prima soluzione: gioco minimo, basso attrito, consumo pressochè zero, minima manutenzione. Ma le guide a coda di rondine, anche se a prima vista appaiono tecnicamente antiquate hanno in ogni caso più che una ragione d’essere. La superficie di contatto tra gli assi, sulla quale è distribuito lo sforzo e le vibrazioni è enormemente maggiore, e questo permette anche a macchine di massa modesta di assorbire le sollecitazioni prodotte dalla lavorazione dell’acciaio. Il costo molto più contenuto rende le macchine con guide lineari molto più facilmente accessibili a piccoli artigiani ed hobbisti. La necessità di effettuare periodici ingrassaggi è un prezzo che l’hobbista può pagare. Per soddisfare entrambe le esigenze, le macchine della linea CNC metalworking sono disponibili con entrambe le opzioni. Viti La trasmissione del moto agli assi sfrutta delle viti senza fine, accoppiate ad una chiocciola. Anche riguardo a questo aspetto, si applicano le considerazioni già espresse per le guide. Così, nel rispetto della tradizione “dura e pura”, le macchine sono disponibili con viti trapeziodali e chiocciola regolabile in bronzo, oppure con viti a ricircolo di sfere senza giogo. Le implicazioni di queste due scelte sono simili a quelle relative alle guide: meno costose, capaci di assorbire meglio le vibrazioni le prime, prive di gioco, meno soggette ad usura e manutenzione le seconde. Assi A seconda delle esigenze, le macchine sono disponibili in configurazioni che vanno da due assi in continuo più un asse indicizzato (adatte per lavorazioni 2,5D), sino a sei assi in continuo. Sono disponibili come opzione il quarto asse rotante, che può essere montato in posizione verticale o orizzontale, e una tavola rotobasculante abbinata ad un controllo a sei assi. Inoltre, nel rispetto della tradizione delle “vere” macchine fresatrici, in tutti i modelli la testa può essere ruotata (manualmente) di 90° in entrambe le direzioni. Questa ulteriore flessibilità consente applicazioni particolari, come la possibilità di utilizzare la macchina come fresatrice orizzontale, o quella, sostituendo al portautensile un mandrino a 3 o 4 ganasce, di utilizzare la macchina come tornio orizzontale CNC.    
Struttura Struttura Mandrino Mandrino Guide Guide Viti Viti Assi Assi Sicurezza Sicurezza Accessori Accessori Caratteristiche Caratteristiche Impieghi Impieghi